Illegittimità per l’assegnazione dei fondi Ue e del PSIR in Calabria

 

 
Ancora una volta favorita l’Area Reggina alla Provincia di Cosenza. Indecorosamente sono stati alterati i dati riguardanti la popolazione Grecanica di Calabria rispetto a quella Arbereshe. Ancora una volta, la gretta politica partitica, usurpando e vilipendiando il consolidamento della Cultura, non ripartisce equamente i Fondi Europei destinati alle Minoranze Linguistiche in Calabria. Il dato relativo alla Minoranza Grecanica appare di molto sovrastimato rispetto alla sua reale consistenza, essendo tale popolazione, secondo lo stesso Quadro Unitario della Progettazione Integrata ( QUPI ) approvato dalla Giunta Regionale, pari e non più di 12.000 abitanti; tale stravolgimento del dato demografico, relativo alla Minoranza Grecanica, qualora dovesse trovare conferma in atti amministrativi conseguenti, andrebbe a modificare, in misura sostanziale, la ripartizione delle risorse finanziarie, previste dal POR, per i progetti integrati sulle Minoranze, con conseguente sottrazione di risorse alla nutrita Minoranza Arbereshe, presente, oltre che nella provincia di Cosenza, anche nei territori delle provincie di Catanzaro e di Crotone. Su quali basi è stato definito il dato demografico relativo alla Etnia Grecanica riportato nel documento di cui all’oggetto? Sarà bene rivedere tale dato, ristabilendo la giusta proporzione tra le varie Minoranze linguistiche presenti in Calabria, anche ai fini di una corretta ripartizione delle risorse POR ad esse destinate.
Minoranza Arbereshe:
Provincie di Cosenza, Catanzaro e Crotone 29 comuni per un totale di 50480 abitanti ;
Minoranza Grecanica:
15 comuni per un totale di 48.000 abitanti ( effetivi e reali solo 12.000).
In conclusione, la improvvisa crescita della popolazione Grecanica è pari a 36.000 unità
Precedente Il Seminario divenuto covo di vipere e fucina del diavolo Successivo Giorgio Castriota Skanderbeg - L'Atleta di Cristo