Messaggio Quaresimale dell’Eparca degli Albanesi dell’Italia Continentale

S.E.Donato Oliverio
S.E.Donato Oliverio
Carissimi,
una delle vie che la Quaresima ci invita a percorrere, come parte del cammino della vita e come preparazione alla gioia della Pasqua, è il pentimento che trova il compimento alla fine della Quaresima, “Ora che abbiamo raggiunto la seconda metà del digiuno, fa’ che rendiamo manifesto l’inizio della vita divina; e quando saremo arrivati alla fine del nostro sforzo, potremo ricevere la beatitudine che non viene mai meno”. Il giovedì della quinta settimana, al Mattutino, udiamo ancora il Grande Canone di S. Andrea di Creta.
La Domenica quarta sta sotto il titolo di S. Giovanni Climaco, il Padre autore della celebre “Scala del Paradiso”, eremita, poi abate del monastero greco del Sinai (649). Come si va al Paradiso? Cristo Signore è l’unico che come Via Verità e Vita possa indicarlo: con la fede del padre del giovane epilettico: lettura di Mc. 9,17-31, che i discepoli non possono curare, e per il quale occorre preghiera e digiuno, proprio quella preghiera e quel digiuno che Cristo ha vissuto per noi.
S. Maria Egiziaca è la figura proposta nella Domenica quinta, quale figura della perfetta penitente. L’Evangelo è Mc. 10, 32-45, cioè il secondo annuncio della Passione e Resurrezione di Cristo, e con la disputa dei fratelli Giacomo e Giovanni per occupare i primi posti nel regno di Cristo. Cristo insegna che chi vuole essere primo deve farsi servo dei fratelli, come lui si è fatto, il Figlio dell’uomo regale venuto a “dare la sua vita in riscatto dei molti”.
Coronamento degno è la Domenica delle Palme, che introduce già nell’atmosfera tesa della Grande Settimana. La Chiesa rilegge tutto questo in chiave drammatica attraverso i tropari, che pongono in bocca ai fedeli i sentimenti veri che debbono animare la fede.
Forse la migliore sintesi ci è offerta dai due Apolitytikia del Vespro della Domenica delle Palme, che insieme con il Kontàkion sono cantati nella Liturgia della Domenica stessa:
Prima della tua Passione
hai fatto risorgere Lazzaro dai morti, o Cristo Dio,
per confermare la fede nella comune resurrezione.
Perciò anche noi come i fanciulli, portando simboli di vittoria,
gridiamo a te, Vincitore della morte:
Osanna nel più alto dei cieli,
benedetto Colui che viene nel Nome del Signore.
La Quaresima così sfocia naturalmente nel Mistero della Pasqua, che è Morte e Resurrezione del Signore, è dono dello Spirito, è Ascensione al Padre, è dono dello Spirito della Vita, è presenza indefettibile agli Apostoli ed a noi con essi, è promessa della Seconda e Terribile Venuta. Celebrata nella Parola e nell’Eucaristia della Chiesa, che “accettata la Croce” segue il Signore dovunque egli vada.
PAPA BENEDETTO XVI “Un umile operaio nella vigna del Signore”
e le CHIESE ORIENTALI CATTOLICHE
Papa Benedetto XVI , nel mese di novembre 2011, chiede di pregare incessantemente per le Chiese Orientali Cattoliche: “ affinchè la loro venerabile tradizione sia conosciuta e stimata quale ricchezza spirituale per tutta la Chiesa”.
“Le Chiese Orientali Cattoliche hanno il compito particolare di promuovere l’unità tra i cristiani, in particolare con gli ortodossi”, ha affermato Benedetto XVI, il 15 dicembre 2006.
A vent’anni dalla promulgazione del Codice dei Canoni della Chiese Orientali, il 9 ottobre 2010 Benedetto XVI ha detto: “In proposito, i sacri canones della Chiesa antica, che ispirano la vigente codificazione orientale, stimolano tutte le Chiese orientali a conservare la propria identità, che è allo stesso tempo orientale e cattolica. Nel mantenere la comunione cattolica, le Chiese orientali cattoliche non intendevano affatto rinnegare la fedeltà alla loro tradizione. Come più volte è stato ribadito, la già realizzata unione piena delle Chiese orientali cattoliche con la Chiesa di Roma non deve comportare per esse una diminuzione nella coscienza della propria autenticità ed originalità.
Pertanto, compito di tutte le Chiese orientali cattoliche è quello di conservare il comune patrimonio disciplinare e alimentare le tradizioni proprie, ricchezza per tutta la Chiesa. Inoltre gli stessi sacri canoni dei primi secoli della Chiesa costituiscono in larga misura il fondamentale e medesimo patrimonio di disciplina canonica che regola anche le Chiese ortodosse. Pertanto, le Chiese Orientali Cattoliche possono offrire un peculiare e rilevante contributo al cammino ecumenico”.
“Testimoni viventi delle origini”: con queste parole Benedetto XVI ha definito il ruolo centrale delle Chiese Orientali Cattoliche, il 9 giugno 2007, precisando che “senza un costante rapporto con la tradizione delle origini”, “non c’è futuro per la Chiesa di Cristo”. “Sono in particolare le Chiese Orientali – ha spiegato il Papa – a custodire l’eco del primo annuncio evangelico…Il loro patrimonio spirituale, radicato nell’insegnamento degli Apostoli e dei Padri ha generato venerabili tradizioni liturgiche, teologiche e disciplinari, mostrando la capacità del ‘pensiero di Cristo’ di fecondare le culture e la storia”. Esprimendo quindi “vicinanza” e “profonda considerazione” per le Chiese Orientali Cattoliche, Benedetto XVI ha raccontato di aver intrapreso, sulla scia dei suoi predecessori, un pellegrinaggio ideale “verso il cuore dell’Oriente”. Per questo motivo – ha spiegato – ha assunto il nome di un Papa, Benedetto XV, “che tanto amò l’Oriente” e che 94 anni fa istituì l’Eparchia di Lungro degli Italo-Albanesi.
Queste e altre considerazioni per dire: Grazie Papa Benedetto XVI
COLLETTA PER LE OPERE DELLA TERRA SANTA
Il 26 febbraio 2013, in vista della tradizionale Colletta di Quaresima in favore dei cristiani di Terra Santa, il Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, il Cardinale Leonardo Sandri, ha fatto pervenire una lettera all’episcopato della Chiesa Cattolica.
Un testo che invita i vescovi a promuovere nelle proprie diocesi, in occasione del Venerdì Santo, che quest’anno cade il 29 marzo, una raccolta di offerte interamente destinata ai cristiani di Terra Santa. La Colletta del Venerdì Santo è essenziale per la vita dei cristiani del Medio Oriente che, dove vivono, sono una minoranza spesso discriminata. Infatti, si tratta del più tangibile segno di solidarietà che noi cristiani d’Occidente possiamo manifestare loro; i soldi raccolti vengono utilizzati anche per l’aiuto alle famiglie in difficoltà e per le esigenze di anziani e bambini.
In questo Anno della fede la Chiesa cerca di rispondere con segni concreti, alla bruciante sete di libertà dei popoli del Medio Oriente.
PELLEGRINAGGIO DIOCESANO A ROMA
In occasione dell’Anno della Fede l’Eparchia di Lungro si recherà a Roma, in pellegrinaggio, per pregare e confessare la fede sulla tomba degli Apostoli Pietro e Paolo e per salutare il nuovo Papa.
Il pellegrinaggio – guidato da me sottoscritto, accompagnato dai presbiteri – si terrà dal 21 al 22 maggio c.a. e raccoglierà uno dei suggerimenti pastorali dati dalla Congregazione per la dottrina della fede per vivere bene questo anno speciale. “Nell’Anno della fedeoccorre incoraggiare i pellegrinaggi dei fedeli alla Sede di Pietro, per professarvi la fede in Dio Padre, Figlio e Spirito Santo, unendosi con colui che è chiamato a confermare nella fede i suoi fratelli”.
GIORNATA DELLA GIOVENTÙ
Martedì 25 giugno c.a. ci diamo appuntamento a S. Cosmo Albanese per la XXVIII Giornata Diocesana della Gioventù.
“Andate e fate miei discepoli tutti i popoli” (Mt. 28,19).
L’Ufficio per la pastorale giovanile propone un itineraio di incontri da concordare, che accompagnerà la preparazione di questa giornata ma soprattutto aiuterà ad approfondire la dimensione missionaria come parte integrante della vita di fede dei giovani cristiani.
RITIRO DI CLERO
Giovedì 21 marzo, con inizio alle ore 9,30, si terrà il Ritiro di Clero nella Parrocchia “S. Giovanni Battista” ad Acquaformosa, Chiesa Madonna della Misericordia, con la meditazione tenuta da P. Pino Stancari.
Invoco su ciascuno di Voi e sulle Vostre Comunità la Benedizione del Signore, augurando la Pace del Signore Risorto.
Lungro, 07 marzo 2013
+ Donato Oliverio, Vescovo

www.webdiocesi.chiesacattolica.it
Eparchia di Lungro

Precedente Drammatica lettera inviata dagli arvaniti. Atene, 14 marzo2013 Successivo Gli Albanesi d'Italia e il Rito Bizantino